Passa ai contenuti principali

Piccole Donne - recensione

Buongiorno lettori♥
Superiamo la superstizione di questo Venerdì 17 grazie a una nuova recensione. Vi parlo di "Piccole Donne" di Louisa May Alcott, un grandissimo classico di tutti i tempi, che era una mia grande lacuna e grazie a Oscar Vault ho recuperato come primissima lettura dell'anno, in questa edizione che racchiude tutti e quattro i libri, curata nel minimo dettaglio. I miei pensieri nell'articolo di seguito.
Buone letture♥


TITOLO: PICCOLE DONNE
AUTORE: LOUISA MAY ALCOTT
DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 NOVEMBRE 2019
CASA EDITRICE: MONDADORI
COLLANA: OSCAR VAULT
GENERE: CLASSICI
PAGINE: PICCOLE DONNE 228 - COMPLESSIVO 948
PREZZO: 23.80/EBOOK 8.99


TRAMA

Sullo sfondo dell’America lacerata dalla guerra di Secessione si snodano le storie delle protagoniste, tutte femminili, di questo romanzo divenuto da subito un classico amatissimo dal pubblico dei giovani lettori (e non solo). Le "piccole donne" del titolo sono le sorelle March. Quattro ragazze con caratteri molto diversi tra loro: Margaret, per tutti Meg, la maggiore, sedici anni, ha una passione inveterata per l’eleganza del bel mondo; Josephine, la scarmigliata, ribelle e anticonformista Jo, quindici anni, adora scrivere racconti e divorare libri; Elizabeth, detta Beth, tredici anni, timida al punto da non riuscire ad andare a scuola, molto dolce e con uno spiccato talento per la musica; Amy, la piccola di casa, dodici anni, capricciosa e vanesia, adora dipingere e disegnare ed è l’artista del gruppo. Basta leggere la prima pagina per immergersi nell’atmosfera casalinga di casa March: il chiacchiericcio fitto delle sorelle, gli echi di un mondo che fuori è pieno di gioia, le evasioni nel sogno. La bellezza di "Piccole donne" è tutta nel divampante incendio di un mondo che fu, il mondo delle illusioni fanciullesche, un mondo in cui la vita è ancora potenza e scrigno di ogni possibilità. Nell’affollarsi dei presagi all’ultima pagina del libro, quando le quattro sorelle, ognuna con un tono diverso, si dicono che non sarebbe possibile essere più felici di così, e nel dirlo riescono a fermare l’attimo, ma solo per poco; perché poi crescono.

RECENSIONE - COMMENTO

Vi siete mai chiesti perché aspettate tanto a leggere un libro?
Quando si tratta dei classici si teme sempre il loro approccio, io in particolare ho notato, nella mia evoluzione da lettrice, che nei primi anni del liceo, ho letto diverse opere considerate dei pilastri della letteratura italiana e non solo. Crescendo i miei gusti sono cambiati e mi sono allontanata un po' da quel mondo che da sempre mi affascina molto, temendo proprio di non riuscire più a immergermi in quelle storie. Questo 2020 sarà l'anno dei recuperi, di tutti quei libri che vorrei tanto leggere e che alla fine lascio sempre in fondo alla lista. Quando gli amici di Oscar Vault mi hanno dato la possibilità di ricevere questa bellissima edizione di "Piccole Donne", contente oltre questo anche: "Piccole donne crescono", "Piccoli uomini" e "I ragazzi di Jo", non ho saputo resistere.
A dicembre ho iniziato così a pianificare le mie letture del nuovo anno e questa era la primissima della lista e, una volta tanto, ho rispettato alla lettera la mia scaletta.
Tornando alla domanda iniziale, più sfogliavo le sue pagine, più mi immergevo nella quotidianità della famiglia March e più mi chiedevo perché avessi aspettato tanto.
E' stato un innamoramento graduale quello che mi ha fatto affezionare a queste quattro sorelle, Meg, Jo, Beth e Amy, prediligendo la piccola Beth, poiché con la sua semplicità e timidezza è riuscita a ottenere un posto speciale nel mio cuore, senza dimenticare lo spavento che mi ha fatto prendere.
Siamo in America, sullo sfondo della Guerra di Secessione, quando la famiglia March attende il ritorno del padre, al fronte anche lui, sperando nell'arrivo continuo delle sue lettere e delle sue parole, in momenti che riuniscono le cinque donne attorno al fuoco per sentire un po' più vicino l'amato genitore.
Quattro sorelle per quattro personalità del tutto differenti che, nel corso dell'anno narrativo, emergono in pieno, facendoci conoscere i loro sogni e speranze, le loro paure nel futuro, ma anche tutta la semplicità di cui è fatta la loro vita. Una famiglia povera, ma ricca nell'animo: ricca di amore e calore famigliare, ricca di sostegno reciproco tra sorelle, nonostante come in qualsiasi famiglia ci siano momenti di piccoli litigi, da vincere con una carezza e un abbraccio.
La storia si apre a Natale, un momento di raccolta, di magia e di unione e termina proprio l'anno successivo nello stesso periodo. Un anno che dona e toglie alle piccole donne, porta amicizie e responsabilità, lasciando che comprendano cosa sia veramente importante per loro, cosa invece superficiale e cosa non adatto alla loro modestia.
Una lettura di altri tempi, che immerge gradualmente nella sua storia, arricchendola con l'ambientazione e i costumi, portando alla luce epoche passate dove ciò che era importante era davvero la famiglia e l'unione, il calore del camino dove ci si riuniva la sera, le parole sussurrate tra sorelle poco prima di addormentarsi, i sorrisi per le piccole cose, la gioia negli occhi per poter svolgere le proprie passioni. Insomma uno di quei libri da leggere, che voi abbiate quindici o cinquant'anni, non è mai troppo tardi per recuperare determinate storie!
Potrei passare un'intera giornata a decantare la bellezza di questo libro, ma lascio a voi stabilirlo o ricordarlo se già lo conoscete. Io al momento non vedo l'ora di andare al cinema per vederne la nuova trasposizione, di cui ho già sentito tantissimi pareri postivi.
Febbraio sarà dedicato al secondo libro, "Piccole donne crescono", per ritrovare le nostre giovani e tornare nella loro vita.
Ultimo, ma non per questo meno importante, menzione d'onore all'edizione: pagine argentate ricche di brillantini, suddivisione del testo su due colonne che, personalmente, non mi ha disturbato, aggiunta di illustrazioni dal tratto semplice e delicato.
Da quel che ho appreso negli ultimi mesi, Oscar Vault è una vera garanzia!
VALUTAZIONE: ★★★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

La bisbetica domata - recensione

Buongiorno lettori❤ Nuova recensione per uno dei tanti gruppi di lettura che mi terrà compagnia nei mesi a venire. Questa volta ci spostiamo nella sfera dei classici teatrali con William Shakespeare e la sua commedia " La bisbetica domata " nell'edizione Feltrinelli Editore per la collana Universale Economica Feltrinelli . Vediamo le mie impressioni al suo termine, raccolte nell'articolo di seguito. Buone letture❤ TITOLO: LA BISBETICA DOMATA AUTORE: WILLIAM SHAKESPEARE DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2019 (EDIZIONE IN FOTO) CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI GENERE: COMMEDIA TEATRALE PAGINE: 305 PREZZO: 8.55/EBOOK 2.99 Link Amazon TRAMA Petruccio è un avventuriero che parte da Verona e va a cercare fortuna a Padova. È un maschio giovane, forte e avvenente, assai dotato, e ha quella libertà di movimento che agli uomini è pienamente concessa nell'Italia immaginata da Shakespeare – così come nella sua Inghilterra. E qu

Per strada è la felicità - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo di un'uscita recentissima, in libreria da ieri e per la quale ringrazio Ponte alle Grazie Editore per la copia che mi ha inviato. Si tratta di " Per strada è la felicità ", nuovo romanzo di Ritanna Armeni . Nell'articolo di seguito, al consueto, le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: PER STRADA E' LA FELICITA' AUTORE: RITANNA ARMENI DATA DI PUBBLICAZIONE: 06 MAGGIO 2021 CASA EDITRICE: PONTE ALLE GRAZIE GENERE: ROMANZO PAGINE: 245 PREZZO: 15.20/EBOOK 8.99 Link Amazon TRAMA Rosa è una brava ragazza di provincia che arriva a Roma a vent'anni con l'obiettivo di laurearsi e trovare un lavoro. Ma siamo alla vigilia del Sessantotto e il fermento della rivolta abita ovunque: nei viali dell'università, sugli striscioni delle piazze, ai cancelli delle fabbriche. Quando il movimento studentesco esplode tutto cambia, anche Rosa. In quei mesi incandescenti in cui si occupano le facoltà, si scatena la vio

Sempre con te - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo dell'ultimo libro di Mattia Ollerongis edito Sperling & Kupfer , che ringrazio per l'invio della copia, " Sempre con te ". Dopo la scoperta di questo autore ho seguito e letto tutte le sue pubblicazioni, ma la storia di Kamilla mi ha colpita per un preciso motivo. Per scoprirlo vi invito a proseguire l'articolo di seguito dove, al consueto, troverete tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SEMPRE CON TE AUTORE: MATTIA OLLERONGIS DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 OTTOBRE 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 199 PREZZO: 9.40/EBOOK 5.99 Link Amazon TRAMA Non si sceglie di nascere con la paura: succede e basta. Il futuro spaventa, ma, se ci sono pericoli che si possono evitare, altri si devono affrontare. Riuscire a farlo dipende unicamente da noi. Kamilla ha solo sette anni quando una folla di bambini ancora sconosciuti, ma pronti a giudicarla, diventa l'insormontabile ostacolo da superare.