Passa ai contenuti principali

L'età dell'innocenza - recensione

Buongiorno lettori❤
Con un pizzico di ritardo, oggi vi parlo della lettura di Agosto nel #gdljec , poiché ci siamo spostati nella letteratura americana degli anni '90 con Edith Wharton e il suo "L'età dell'innocenza". Io mi sono affidata all'edizione RBA Italia, con traduzione Mondadori. Nell'articolo di seguito le mie impressioni alla storia e all'editing del testo.
Buone letture❤


TITOLO: L'ETA' DELL'INNOCENZA
AUTORE: EDITH WHARTON
DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 MAGGIO 2017
CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE
COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 378
PREZZO: 9.02/EBOOK 2.49


TRAMA

Uscito nel 1920, "L'età dell'innocenza" vale alla sua autrice, Edith Wharton, il premio Pulitzer: sarà la prima donna a vederselo assegnare. Il libro è una critica spietata alla convenzionalità dell'alta società newyorchese: una vera aristocrazia immobiliare in cui le famiglie sono le stesse da generazioni, le donne un ornamento e gli uomini non fanno nulla neppure quando fingono di andare in ufficio. I ricchi personaggi dell'"Età dell'innocenza" vivono tutti nello stesso quadrilatero di strade, e d'estate si spostano tutti quanti a Newport. Sono sempre insieme, sono privilegiati e severi al contempo, e non concepiscono l'esistenza di un mondo fuori dal loro. Il mondo, ovviamente, progredisce, cambia e rischia di lasciarli indietro. Ai cancelli della vecchia New York premono l'aristocrazia imprenditoriale e bancaria - i Morgan, i Lehman, i Guggenheim -, gli operai migrati dall'Europa e soprattutto stili di vita dinamici e aggressivi. Il protagonista del romanzo, Newland Archer, è un giovane raffinato che nella prima parte vediamo emanciparsi lentamente dai valori della vecchia New York ma che poi si trova costretto a sposare una donna che non ama assolutamente.

RECENSIONE - COMMENTO

Voglio iniziare questa recensione muovendo una forte critica all'edizione RBA in cui ho letto questo romanzo, tramite la collezione Storie Senza Tempo. Critica mossa alla traduzione (Mondadori Libri 2018) in quanto estremamente ricca di refusi, errori e ORRORI di sintassi grammaticale. Spesso e volentieri la lettura veniva rallentata da parole che mancavano di lettere, congiunzioni verbali fantasiose e un editing mal fatto da entrambe le parti. Si tratta del terzo libro letto grazie alla collezione che sto facendo e, al momento, è il peggiore in quanto a resa finale.
Dopo essermi tolta qualche sassolino dalla scarpa, veniamo a parlare del romanzo di per se. "L'età dell'innocenza" ha permesso alla Wharton di essere la prima donna a portarsi a casa il Premio Pulitzer nel 1921, a un anno dalla sua pubblicazione. Mi aspettavo quindi una storia sfarzosa, ricca, elegante e raffinata. In realtà ho trovato tanta opulenza, lusso sbandierato ai quattro venti e personaggi che sono quasi materiale d'arredamento alla loro epoca.
La New York che viene descritta non è quel salotto aperto e accogliente che credevo fosse durante la Gilded Age, periodo storico tra il 1870 e il 1900, caratterizzato da industrializzazione e crescita economica, al contrario è un luogo chiuso, riservato a una precisa cerchia di famiglie aristocratiche.
Le persone che contano nella società vivono nel medesimo quartiere, frequentano gli stessi luoghi, compiendo di volta in volta precise azioni per mettere in luce il loro patrimonio, trascorrono le vacanze nella stessa località e non frequentano nessuno che sia a loro esterno.
Incontriamo così due giovani, Newland e May che, secondo le convenzioni dell'epoca, instaurano un matrimonio più di "interesse" che di amore. Sentimento quasi del tutto inesistente in queste pagine, sostituito da avarizia e tornaconto personale. Entrambi i personaggi non mi hanno mai conquistata, ho sempre cercato di mantenere distacco da loro, trovando terrificanti gli stessi pensieri di Newland nei confronti della moglie. Ho visto un piccolo spiraglio verso una società dai valori differenti nell'ultimo capitolo, che compie un salto temporale di ventisei anni, spiazzando il lettore e facendogli perdere inevitabili pezzi, quando si può compiere anche un paragone tra il Newland uomo e il figlio Dallas, che rappresenta la modernità e l'emancipazione di un'intera società che va incontro a nuovi dettami.
Sono sincera con voi, oltre alla critica che viene mossa alla società newyorkese dell'epoca, incentrata sull'ego personale piuttosto che sul bene comune, poco altro ho apprezzato. Lo stesso stile narrativo mi sembrava sempre farcito di giustificazioni: ogni frase termina con una lunga parentesi contenente i perché relativi a una determinata azione o pensiero, quasi a volersi scusare verso i lettori futuri. Edith Wharton non ha fatto breccia in me, complice la traduzione, i suoi protagonisti e l'eleganza che è solo effimera, quando avrebbe potuto essere più raffinata e meno onirica. 

VALUTAZIONE: ★★

Commenti

Post popolari in questo blog

Il cuore segreto delle cose - recensione

Buongiorno lettori❤ A Giugno è tornata in libreria Madeleine St. John , con il secondo volume della trilogia di Notting Hill , per Garzanti , che ringrazio nella gentilezza dell'invio della copia del libro: " Il cuore segreto delle cose ". Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: IL CUORE SEGRETO DELLE COSE AUTORE: MADELEINE ST. JOHN DATA DI PUBBLICAZIONE: 24 GIUGNO 2021 CASA EDITRICE: GARZANTI GENERE: ROMANZO PAGINE: 208 PREZZO: 15.20/EBOOK 9.99 Link Amazon TRAMA Le case basse e colorate di Notting Hill le sfilano accanto. Nicola è uscita per comprare le sigarette - solo pochi minuti - ma quando rientra in casa tutto è cambiato. Jonathan, il compagno di tanti anni, sembra lo stesso uomo che l'ha salutata poco prima, se non fosse per il suo sguardo e quelle parole: dovremmo separarci. Quando Nicola capisce che non si tratta di uno scherzo, ma dell'amara realtà, lascia l'appartamento e si tra

Stirpe e vergogna - recensione

Buongiorno lettori❤ Nelle scorse settimane ho scoperto un'autrice che non conoscevo e, ora come ora, voglio recuperare anche le sue precedenti opere! Lei è Michela Marzano e, grazie a Rizzoli , " Stirpe e vergogna " è approdato nella mia libreria. Nell'articolo di seguito, come di consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: STIRPE E VERGOGNA AUTRICE: MICHELA MARZANO DATA DI PUBBLICAZIONE: 05 OTTOBRE 2021 CASA EDITRICE: RIZZOLI GENERE: ROMANZO PAGINE: 400 PREZZO: 18.05/EBOOK 10.99 Link Amazon TRAMA Michela Marzano intreccia il passato familiare alle pagine più controverse della storia del nostro Paese. Michela non sapeva. Per tutta la vita si è impegnata a stare dalla parte giusta: i fascisti erano gli altri, quelli contro cui lottare. Finché un giorno scopre il passato del nonno, fascista convinto della prima ora. Perché nessuno le ha mai detto la verità? Era un segreto di cui vergognarsi oppure un pezzo di storia inconsciamente canc

Tutto il sole che c'è - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo di una saga famigliare inclusiva e inglobante, che abbraccia buona parte del Novecento e che, poco alla volta, si farà strada nel cuore di voi lettori. Un grande grazie a La nave di Teseo per il gentilissimo invio di " Tutto il sole che c'è " di Antonella Boralevi . Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: TUTTO IL SOLE CHE C'E' AUTORE: ANTONELLA BORALEVI DATA DI PUBBLICAZIONE: 18 MARZO 2021 CASA EDITRICE: LA NAVE DI TESEO GENERE: ROMANZO PAGINE: 692 PREZZO: 19.00/EBOOK 10.99 Link Amazon TRAMA 10 giugno 1940. Mentre l’Italia di Mussolini entra in guerra, nel giardino incantato di una villa in Toscana quattro ragazzi giocano a tennis. La Storia irrompe dentro la loro giovinezza beata e li costringe a prendere in mano la propria vita. La Contessina Ottavia Valiani ha quattordici anni e il sole addosso. La sorella minore, Verdiana, la spia dall’ombra. È timida, bruttina, forse