Passa ai contenuti principali

La dama e l'unicorno - recensione

Buongiorno lettori❤
In questo anomalo lunedì di Pasquetta, vi parlo di una delle mie ultime letture, per la quale ringrazio fin da ora Neri Pozza per il gentile omaggio. Il libro in questione è "La dama e l'unicorno" di Tracy Chevalier, nella nuova edizione con il cambio di copertina dello scorso autunno.
Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni al suo termine.
Buone letture❤


TITOLO: LA DAMA E L'UNICORNO
AUTORE: TRACY CHEVALIER
DATA DI PUBBLICAZIONE: 03 SETTEMBRE 2020 (NUOVA EDIZIONE)
CASA EDITRICE: NERI POZZA
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 219
PREZZO: 9.40/EBOOK 7.99


TRAMA

Jean Le Viste, gentiluomo le cui insegne sono ovunque tra i campi e gli acquitrini di Saint Germain-des-Prés a Parigi, in un giorno del 1490 affida a Nicolas des Innocents, pittore di insegne e miniaturista, il compito di ornare il salone della sua casa con arazzi immensi che raffigurino la battaglia di Nancy, con cavalli intrecciati a braccia e gambe umane, picche, spade, scudi e sangue a profusione.
Alla vista, però, di Claude, la giovane e bellissima figlia del gentiluomo, e in seguito agli ordini perentori della padrona di casa, Geneviève de Nanterre, Nicolas decide di cambiare il soggetto dei suoi arazzi: non più cavalli, elmi o sangue, ma una dama e un unicorno, simboli della seduzione, della giovinezza e dell’amore.
Attraverso la magia della narrazione, La dama e l’unicorno ci conduce davanti ai sogni, ai desideri e alle speranze che, alla fine del XV secolo nel nord della Francia, hanno generato una delle opere più misteriose e seducenti della storia dell’arte.

RECENSIONE - COMMENTO

Oggi ho deciso di non tenervi sulle spine e di iniziare subito dalle mie impressioni.
Avevo questo libro in libreria all'incirca dal periodo natalizio e ogni volta che lo prendevo tra le mani, lo giravo, rigiravo, guardavo la copertina, leggevo la trama e alla fine lo riponevo al suo posto. Non mi sentivo mai del tutto attratta, quasi timorosa da quel periodo storico tanto lontano, il XV secolo, e da un tema che a scuola ho sempre cercato di evitare in maniera gentile, ovvero l'arte.
La scorsa settimana, estraendo a sorte la mia nuova lettura, la scelta è ricaduta su di lui e, con qualche timore, mi sono immersa nelle sue pagine.
Ebbene, tutto questo per dire che ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, ogni paura mi ha presto abbandonato e non ho avuto alcuna fatica a immergermi nella storia. L'arte ne fa da padrona, è verissimo, ma è tessuta tra i rapporti umani che si vengono a creare, donando un'idea di insieme molto caratteristica.
Da sempre conosco l'autrice, Tracy Chevalier, per la grande fama che ha avuto il suo romanzo "La ragazza con l'orecchino di perla" e, ad oggi, è ufficialmente entrata nella lista di quegli autori di cui vorrei sicuramente recuperare altro, se non l'intera produzione.
Siamo alla fine del 1400, tra il 1490 e il 1492, ma il linguaggio utilizzato dai suoi personaggi è così popolare da renderlo molto attuale; qualche francesismo qua e la che non disturba o rallenta la lettura, ma la contestualizza ancora di più nel periodo storico.
E' il popolo a parlare, quello delle taverne, dei pittori di corte e dei tessitori di arazzi di Bruxelles; ma sono anche le donne, quelle nobili e quelle che vivono grazie ai lavori consegnati dalle famiglie aristocratiche a prendersi la gran parte della scena.
E sono sempre le donne a far nascere una delle opere più misteriose della storia artistica ed europea, La dama e l'unicorno, di cui poco sappiamo, se non che è stata commissionata da Jean Le Viste, anche se se ne ignora il reale motivo; che è divenuta eredità della figlia e ritrovata anni dopo in stato di abbandono.
Ciò che racconta Tracy Chevalier, romanzando la nascita di questi arazzi, è come l'amore, la seduzione, il corteggiamento abbiano influito sulla scelta del pittore ingaggiato da Le Viste, Nicolas des Innocents, tanto artista raffinato, quanto uomo godurioso che poco ha risparmiato nella propria vita, soprattutto per quanto riguarda il gentil sesso.
Ma qui ci saranno due dame, di estrazione sociale contrapposta, così come di natura e di carattere, a tessere nella mente e negli occhi del pittore la storia da raccontare, che è un po' quella che andrà a vivere pagina dopo pagina.
Romanzo che è suddiviso in tre parti, che oltre ad accompagnarci nella nascita degli arazzi, ci presentano i personaggi più importanti dedicando un capitolo a ciascuno di essi, permettendo al lettore di scoprire sia la loro storia che la loro visione del periodo. Ammetto anche che la distinzione nobiltà-popolo non è marcata in maniera perentoria e austera, lascia sempre uno spiraglio di unione tra le due parti, piccoli punti di incontro che alleggeriscono la lettura.
Se ancora, come me, appartenete a quella fetta di lettori che non conosceva la scrittura dell'autrice e vorreste approcciarvi ad essa, allora "La dama e l'unicorno" è un'ottima prima lettura, per vincere ritrosie, ma soprattutto per fare un viaggio nel tempo tra saloni, banchetti, abiti finemente ricamati e forti donne che decideranno il destino di più di una persona oltre il loro.

VALUTAZIONE: ★★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

Il cuore segreto delle cose - recensione

Buongiorno lettori❤ A Giugno è tornata in libreria Madeleine St. John , con il secondo volume della trilogia di Notting Hill , per Garzanti , che ringrazio nella gentilezza dell'invio della copia del libro: " Il cuore segreto delle cose ". Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: IL CUORE SEGRETO DELLE COSE AUTORE: MADELEINE ST. JOHN DATA DI PUBBLICAZIONE: 24 GIUGNO 2021 CASA EDITRICE: GARZANTI GENERE: ROMANZO PAGINE: 208 PREZZO: 15.20/EBOOK 9.99 Link Amazon TRAMA Le case basse e colorate di Notting Hill le sfilano accanto. Nicola è uscita per comprare le sigarette - solo pochi minuti - ma quando rientra in casa tutto è cambiato. Jonathan, il compagno di tanti anni, sembra lo stesso uomo che l'ha salutata poco prima, se non fosse per il suo sguardo e quelle parole: dovremmo separarci. Quando Nicola capisce che non si tratta di uno scherzo, ma dell'amara realtà, lascia l'appartamento e si tra

Tutto il sole che c'è - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo di una saga famigliare inclusiva e inglobante, che abbraccia buona parte del Novecento e che, poco alla volta, si farà strada nel cuore di voi lettori. Un grande grazie a La nave di Teseo per il gentilissimo invio di " Tutto il sole che c'è " di Antonella Boralevi . Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: TUTTO IL SOLE CHE C'E' AUTORE: ANTONELLA BORALEVI DATA DI PUBBLICAZIONE: 18 MARZO 2021 CASA EDITRICE: LA NAVE DI TESEO GENERE: ROMANZO PAGINE: 692 PREZZO: 19.00/EBOOK 10.99 Link Amazon TRAMA 10 giugno 1940. Mentre l’Italia di Mussolini entra in guerra, nel giardino incantato di una villa in Toscana quattro ragazzi giocano a tennis. La Storia irrompe dentro la loro giovinezza beata e li costringe a prendere in mano la propria vita. La Contessina Ottavia Valiani ha quattordici anni e il sole addosso. La sorella minore, Verdiana, la spia dall’ombra. È timida, bruttina, forse

Stirpe e vergogna - recensione

Buongiorno lettori❤ Nelle scorse settimane ho scoperto un'autrice che non conoscevo e, ora come ora, voglio recuperare anche le sue precedenti opere! Lei è Michela Marzano e, grazie a Rizzoli , " Stirpe e vergogna " è approdato nella mia libreria. Nell'articolo di seguito, come di consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: STIRPE E VERGOGNA AUTRICE: MICHELA MARZANO DATA DI PUBBLICAZIONE: 05 OTTOBRE 2021 CASA EDITRICE: RIZZOLI GENERE: ROMANZO PAGINE: 400 PREZZO: 18.05/EBOOK 10.99 Link Amazon TRAMA Michela Marzano intreccia il passato familiare alle pagine più controverse della storia del nostro Paese. Michela non sapeva. Per tutta la vita si è impegnata a stare dalla parte giusta: i fascisti erano gli altri, quelli contro cui lottare. Finché un giorno scopre il passato del nonno, fascista convinto della prima ora. Perché nessuno le ha mai detto la verità? Era un segreto di cui vergognarsi oppure un pezzo di storia inconsciamente canc