Passa ai contenuti principali

Volevo essere una vedova - recensione

Buongiorno lettori♡
In questa calda estate, anche la storia della mancata gatta morta Chiara si è conclusa, in questo ultimo capitolo di Chiara Moscardelli edito Einaudi, "Volevo essere una vedova".
Una storia che fa sì ridere, ma porta tanti spunti di riflessione per il mondo femminile, sull'accettarsi per come si è con i nostri difetti, amando noi stesse prima di chiunque altro.
Buone letture♡


TITOLO: VOLEVO ESSERE UNA VEDOVA
AUTORE: CHIARA MOSCARDELLI
DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MAGGIO 2019
CASA EDITRICE: EINAUDI
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 210
PREZZO: 14,45/EBOOK 9,99


TRAMA

Che fine ha fatto Chiara, l'aspirante ma mancata gatta morta? L'abbiamo lasciata a trent'anni, senza uno straccio di fidanzato, e la ritroviamo a quarantacinque, ancora single. Com'è potuto accadere? Com'è arrivata a questa età senza sposarsi, fare figli, adeguarsi alla vita che sua madre e le zie, anche quelle degli altri, prevedevano per lei? Per capirlo Chiara si racconta, ai lettori e all'analista, ripercorrendo gli ultimi dieci anni: il trasferimento a Milano, dove sperava di accasarsi e invece ha trovato sciami di gay, il lavoro in una città che per certi versi le è ostile, i disastri sentimentali e il fatto che tutti, ma proprio tutti, persino il dentista o l'ortopedico, continuino a chiederle perché sia sola. Così, pur di non essere sottoposta al solito strazio, all'ennesima visita medica decide di spacciarsi per vedova, guadagnandosi uno status finalmente accolto dalla società. Se è vedova, allora qualcuno se l'era presa, anche se poi è morto!


RECENSIONE - COMMENTO

Sono passati quindici anni dall'ultima volta che avevamo lasciato Chiara nella sua città natale, alle prese con i suoi disastri e alla caccia del suo obiettivo, diventare una gatta morta! Ricordate la moltitudine di aneddoti, risate e compagni di vita che abbiamo incontrato? Per chi ancora non la conoscesse, Chiara è autrice, protagonista e voce narrante delle sue avventure, sempre con il sorriso sulle labbra, soprattutto nel lettore, pronta a raccontarsi a trecentosessanta gradi, senza fronzoli o barriere. Siamo dunque a Milano, città della nuova vita, dal punto di vista lavorativo, che sembra portare a Chiara un po' di stabilità, anche se con lei i guai sono sempre dietro l'angolo e nessuno può starne tranquillo.
Ci ritroviamo all'interno di una storia che a volte ha del bizzarro e dell'assurdo, ma che contiene anche numerosi frasi motivazionali e spunti di riflessione, in particolare per noi lettrici donne. Uno dei temi principali, infatti, è l'accettazione di noi stesse, con i nostri difetti, paure, ansie e imperfezioni, ma tutti presi come tratti caratteristici che sanno renderci uniche.
Ciò che dobbiamo fare, o imparare a fare, è accettarli, prenderli per buoni, riuscire a conviverci e lavorare su di noi per stare bene sia in solitudine, sia con le altre persone.
"Volevo essere una vedova" è un libro dalla narrazione molto fluida, di facile lettura e che occupa poche ore, ma fa sorridere e riflettere, grazie alle parole della sua autrice, che ho conosciuto proprio con "Volevo essere una gatta morta" e di cui sono certa di recuperare l'intera produzione.
Famiglia, amici e sé sono i principali temi che si incontreranno nelle sue pagine, entrando in contatto tra di loro e ponendo su vari livelli l'importanza di ognuno, fino al suo epilogo, alla scelta di Chiara di assumere uno status e avere un ruolo nella società.


"Perché, in fondo, non è mai davvero finita, anche se temi che sia così. Si può ripartire e guardare avanti, mai indietro, né restare fermi per paura di avanzare"

Cari i miei lettori, eccomi a consigliarvi una ventata d'aria fresca, una boccata d'ossigeno in una vita frenetica, un rallentare nell'eccesso, guardarsi intorno e godersi ogni più piccolo dettaglio.

VALUTAZIONE: ★★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

La bisbetica domata - recensione

Buongiorno lettori❤ Nuova recensione per uno dei tanti gruppi di lettura che mi terrà compagnia nei mesi a venire. Questa volta ci spostiamo nella sfera dei classici teatrali con William Shakespeare e la sua commedia " La bisbetica domata " nell'edizione Feltrinelli Editore per la collana Universale Economica Feltrinelli . Vediamo le mie impressioni al suo termine, raccolte nell'articolo di seguito. Buone letture❤ TITOLO: LA BISBETICA DOMATA AUTORE: WILLIAM SHAKESPEARE DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2019 (EDIZIONE IN FOTO) CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI GENERE: COMMEDIA TEATRALE PAGINE: 305 PREZZO: 8.55/EBOOK 2.99 Link Amazon TRAMA Petruccio è un avventuriero che parte da Verona e va a cercare fortuna a Padova. È un maschio giovane, forte e avvenente, assai dotato, e ha quella libertà di movimento che agli uomini è pienamente concessa nell'Italia immaginata da Shakespeare – così come nella sua Inghilterra. E qu

Sempre con te - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo dell'ultimo libro di Mattia Ollerongis edito Sperling & Kupfer , che ringrazio per l'invio della copia, " Sempre con te ". Dopo la scoperta di questo autore ho seguito e letto tutte le sue pubblicazioni, ma la storia di Kamilla mi ha colpita per un preciso motivo. Per scoprirlo vi invito a proseguire l'articolo di seguito dove, al consueto, troverete tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SEMPRE CON TE AUTORE: MATTIA OLLERONGIS DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 OTTOBRE 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 199 PREZZO: 9.40/EBOOK 5.99 Link Amazon TRAMA Non si sceglie di nascere con la paura: succede e basta. Il futuro spaventa, ma, se ci sono pericoli che si possono evitare, altri si devono affrontare. Riuscire a farlo dipende unicamente da noi. Kamilla ha solo sette anni quando una folla di bambini ancora sconosciuti, ma pronti a giudicarla, diventa l'insormontabile ostacolo da superare.

Solo un ragazzo - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo della lettura di Gennaio all'interno del gdl #ioleggoeinaudi , ovvero " Solo un ragazzo " di Elena Varvello , per l'appunto edito Einaudi . Una storia molto particolare che abbraccia temi quanto mai moderni. Nell'articolo di seguito, al consueto, le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SOLO UN RAGAZZO AUTORE: ELENA VARVELLO DATA DI PUBBLICAZIONE: 01 SETTEMBRE 2020 CASA EDITRICE: EINAUDI  GENERE: ROMANZO PAGINE: 192 PREZZO: 17.57/EBOOK 9.99 Link Amazon TRAMA "Tutta la verità. Ma obliqua. Intraducibile Emily Dickinson, se non con nuove figure, nuove immagini, una nuova storia. È quello che fa Elena Varvello con "Solo un ragazzo", che a sua volta è la risposta semplice e assoluta a una domanda che urge per tutto il libro: «Che cosa sei?» È ciò che chiedono i padri e che soffrono le madri di fronte all'enigma dell'adolescenza. Un'età che fugge e sfugge, un'età malvagia e innocente, che conserva e sp