Passa ai contenuti principali

Costanza e buoni propositi - recensione

Buongiorno lettori❤
Oggi vi parlo del nuovo romanzo di Alessia Gazzola, "Costanza e buoni propositi", edito Longanesi, che ringrazio ancora per l'invio della copia del libro.
Secondo volume sulle avventure di Costanza, ritroviamo tutti i personaggi del primo romanzo alle prese con una serie di importanti cambiamenti.
Nell'articolo di seguito, come sempre, tutte le impressioni al suo termine.
Buone letture❤


TITOLO: COSTANZA E BUONI PROPOSITI
AUTORE: ALESSIA GAZZOLA
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 OTTOBRE 2020
CASA EDITRICE: LONGANESI
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 300
PREZZO: 17.67/EBOOK 9.99


TRAMA

Tutto avrebbe pensato, ma non di fare la paleopatologa dopo la laurea in medicina. Non di vivere a Verona, così distante da Messina, la sua casa. Non di avere una figlia piccola a carico, la buffa Flora. Non di rintracciare il padre della suddetta figlia dopo diversi anni, di trovarlo affascinante come quando l'aveva conosciuto e di scoprirlo perfetto con Flora. Non di provare ancora qualcosa per il suddetto padre. Non di poter vantare una discreta collezione di situazioni ed esperienze imbarazzanti. La vita di Costanza Macallè può dirsi, insomma, abbastanza travagliata. Eppure la trentenne dai capelli rossi ribelli e con il cappotto troppo leggero per l'inverno del Nord può contare su pochi ma buonissimi assi nella manica che la aiutano ad affrontare giorno dopo giorno le sfide della vita: i colleghi dell'Istituto di Paleopatologia, la sorella Antonietta, un'innata capacità di rialzarsi a ogni caduta, la consapevolezza di poter contare sulle proprie forze e l'ostinata determinazione di chi sa cavarsela anche con poco. Perché l'importante è avere sempre buoni propositi. La nuova vita che Costanza ha appena iniziato a costruire potrebbe, però, essere sul punto di cambiare un'altra volta. Il lavoro di medico è ancora in cima alla sua lista dei desideri e Marco, il padre di Flora, è ancora in procinto di sposarsi. Costanza dovrà quindi confrontarsi con importanti decisioni da prendere, cuori poco inclini ad ascoltare il cervello e un sito archeologico milanese che porta alla luce un incredibile mistero dal passato medievale della città. E soprattutto con la possibilità che, in fondo, quei buoni propositi siano solo illusioni.

RECENSIONE - COMMENTO

Quanto è vero che il primo amore non si scorda mai, altrettanto lo è che il secondo porta in se qualcosa di speciale. Così se Alice Allevi resterà il personaggio che mi ha fatto conoscere Alessia Gazzola e di permetterle di divenire una delle autrici italiane, contemporanee, che preferisco, altrettanto ha fatto Costanza Macallè. Dopo un anno da "Questione di Costanza", la Gazzola ci riporta a Verona, nell'istituto di Paleopatologia, dove il nostro mai dimenticato medico, si trova alle prese con un nuovo caso, direttamente dal Medioevo, connesso al ritrovamento di alcuni resti in un sito di scavi a Milano. Questo renderà il libro "itinerante", dal momento che la nostra Costanza si muoverà tra le due città, per lavoro e non solo, in quanto proprio nella città lombarda vive Marco, padre di Flora.
Florabella, che di diritto acquisisce il titolo di personaggio più amato all'interno di questo libro, è rappresentata in tutto e per tutto come una bimba di tre anni, un po' capricciosa e un po' ribelle, nella fase delle parole inventate e delle risposte che lasciano di stucco. Lei con la sua semplicità sarà uno dei motori dei principali cambiamenti nella vita non solo di Costanza, ma anche di Marco e Federica, sua futura sposa. Poco è cambiato dal loro primo incontro, se non che lui ha fatto un passo avanti con la bambina e Costanza ha nuovi problemi di cuore.
"Costanza e buoni propositi" mi ha coinvolta maggiormente anche nella storia parallela al suo interno, quella legata alle indagini di laboratorio, narrate in appositi capitoli che differiscono anche nella scelta del font, per immergere il lettore nel passato, portandolo in un viaggio che unisce fatti reali ad altri inventati.
Ogni storia della Gazzola dimostra un grande studio alle spalle, soprattutto queste che attingono a secoli indietro e spesso racchiudono misteri ancora ad oggi irrisolti.
Costanza Macallè è un personaggio sì ironico ma che qui mostra una netta crescita, sia lavorativa in quanto si sente più integrata con i colleghi e appassionata dagli intrighi del passato, sia dal punto di vista personale, rendendosi conto di come la percezione che ha sempre avuto di sé, possa esserle di aiuto nel modificare il proprio carattere.
La serie di Costanza è adatta a chi ha amato L'allieva, ma anche a chi è alla ricerca di un'autrice italiana che sia in grado di coinvolgere e far riflettere il lettore. In questa storia ho trovato molte frasi legate a temi attuali, contestualizzate all'interno della narrazione e che lasciano momenti di riflessione aperti, sia per ciò che riguarda la figura di Costanza sia per la nostra società.
Poco alla volta apprezzo sempre più questi nuovi personaggi, anche Marco, così freddo nel primo volume, eppure emotivamente coinvolto in questa nuova avventura.
Attendendo con gaudio la prossima storia per scoprire quali altre importanti scelte avrà intrapreso la nostra Macallè, a Marzo arriverà una nuova storia! Se volete una piccolissima anticipazione, posso dirvi che la protagonista appare in un rapido flash proprio tra queste pagine!

VALUTAZIONE: ★★★★☆

Commenti

Post popolari in questo blog

Finché il caffè è caldo - recensione

Buongiorno lettori♥ Oggi vi parlo di una pubblicazione recente in collaborazione con Garzanti , che ringrazio per la copia che mi ha inviato, di " Finché il caffè è caldo " di Toshikazu Kawaguchi . Romanzo esordio di questo scrittore giapponese, porta al lettore una realtà che si affaccia molto al periodo che stiamo vivendo. Come sempre, tutte le mie impressioni le trovate nell'articolo che segue. Buone letture♥  TITOLO: FINCHE' IL CAFFE' E' CALDO AUTORE: TOSHIKAZU KAWAGUCHI DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 MARZO 2020 CASA EDITRICE: GARZANTI GENERE: ROMANZO PAGINE: 177 PREZZO: 13.60/EBOOK 9.99 https://www.amazon.it/Finché-caffè-caldo-Toshikazu-Kawaguchi-ebook/dp/B0851H8PF7/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=1CQ6MZNJEI1J3&dchild=1&keywords=finch%C3%A8+il+caff%C3%A8+%C3%A8+caldo&qid=1584980019&sprefix=finch%C3%A8%2Caps%2C228&sr=8-1 TRAMA In Giappone c'è una caffetteria speciale

La trama dei sogni - recensione

Buongiorno lettori♡ Concludiamo questa settimana densa di eventi con una nuova recensione, che coincide con il termine del Blog Tour dedicato a " La trama dei sogni " di Emily Pigozzi , pubblicato questa settimana da Sperling & Kupfer . Un romanzo ricco di emozioni, di intrecci narrativi e storici che vi consiglio di cuore come vostra lettura estiva. Al termine vi ripropongo il banner dell'evento, così se avete voglia potete recuperare qualche curiosità attorno al libro. Buone letture♡ TITOLO: LA TRAMA DEI SOGNI AUTORE: EMILY PIGOZZI DATA DI PUBBLICAZIONE: 07 LUGLIO 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 365 PREZZO: 16.06/EBOOK 8.99 https://www.amazon.it/trama-dei-sogni-Emily-Pigozzi-ebook/dp/B08BRVY1JM/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=la+trama+dei+sogni&qid=1594310354&sr=8-1 TRAMA Milano, oggi. Rossana Fiorentino non crede nei sogni. Non dopo esse

Il sapore delle parole inaspettate - recensione

Buongiorno lettori❤ Insieme al gruppo di lettura organizzato dall'autrice, Giulia Zorat , ho avuto occasione di leggere il suo romanzo, " Il sapore delle parole inaspettate ", partecipante al torneo letterario Io Scrittore del 2020 . Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: IL SAPORE DELLE PAROLE INASPETTATE AUTORE: GIULIA ZORAT DATA DI PUBBLICAZIONE: 14 MAGGIO 2020 EDITORE: IO SCRITTORE GENERE: ROMANZO PAGINE: 152 PREZZO: 14.25/EBOOK 3.99 Link Amazon TRAMA Mordere un sogno, strappare un sorriso, asciugare una lacrima. Cinque anime, cinque esistenze si perdono e si ritrovano dietro la porta di una minuscola patisserie ai margini di Parigi; Jacques e Josephine, capaci di impastare le loro vite con sapiente delicatezza, necessari l'una all'altro come ingredienti di un dolce mai finito. Irene, il cui sguardo racconta la capacità di equilibrare sbagli antichi e nuove possibilità; Enea il suo piccolo