Passa ai contenuti principali

Un tè a Chaverton House - recensione

Buongiorno lettori❤
Oggi vi parlo del nuovo romanzo della mia amata Alessia Gazzola, "Un tè a Chaverton House", pubblicato lo scorso lunedì da Garzanti, che ringrazio per l'invio della copia. Un libro molto breve che si legge in poco tempo, per il quale vediamo insieme, nell'articolo che segue, tutte le mie impressioni al suo termine.
Buone letture❤


TITOLO: UN TE A CHAVERTON HOUSE
AUTORE: ALESSIA GAZZOLA
DATA DI PUBBLICAZIONE: 15 MARZO 2021
CASA EDITRICE: GARZANTI
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 192
PREZZO: 15.58/EBOOK 9.99


TRAMA

"Mi chiamo Angelica e questa è la lista delle cose che avevo immaginato per me: un fidanzato fedele, un bel terrazzino, genitori senza grandi aspettative. Peccato che nessuna si sia avverata. Ecco invece la lista delle cose che sono accadute: lasciare tutto, partire per l'Inghilterra e ritrovarmi con un lavoro inaspettato. Così sono arrivata a Chaverton House, un'antica dimora del Dorset. Questo viaggio doveva essere solo una visita veloce per indagare su una vecchia storia di famiglia, e invece si è rivelato molto di più. Ora zittire la vocina che lega la scelta di restare ad Alessandro, lo sfuggente manager della tenuta, non è facile. Ma devo provarci. Lui ha altro per la testa e anche io. Per esempio prepararmi per fare da guida ai turisti. Anche se ho scoperto che i libri non bastano, ma mi tocca imparare a memoria i particolari di una serie tv ambientata a Chaverton. La gente vuole solo riconoscere ogni angolo di ogni scena cult. Io invece preferisco servizi da tè, pareti dai motivi floreali e soprattutto la biblioteca, che custodisce le prime edizioni di Jane Austen e Emily Brontë. È come immergermi nei romanzi che amo. E questo non ha prezzo. O forse uno lo ha e neanche troppo basso: incontrare Alessandro è ormai la norma. E io subisco sempre di più il fascino della sua aria da nobiltà offesa. Forse la decisione di restare non è così giusta, perché io so bene che quello che non si dovrebbe fare è quello che si desidera di più. Quello che non so è se seguire la testa o il cuore. Ma forse non vanno in direzioni opposte, anzi sono le uniche due rette parallele che possono incontrarsi".

RECENSIONE - COMMENTO

Da quando Alessia Gazzola aveva annunciato l'uscita del suo nuovo romanzo, autoconclusivo, per questa primavera, fremevo dall'avere notizie più precise. Ammetto che nel momento in cui l'editore, Garzanti, mi ha contattata per inviarmi in anteprima il libro, insieme a una graditissima box, ne sono stata super felice.
Ho conosciuto Alessia Gazzola ormai tre anni fa iniziando l'avventura con la serie "L'allieva" e, da lì, è divenuta una delle mie autrici italiane contemporanee preferite.
"Un tè a Chaverton House" è un libro, come ammette la stessa Gazzola, nato in un mese durante il lockdown che ha colpito il nostro paese lo scorso anno. Un capitolo al giorno per avere un'àncora di salvezza da certezze che stavano sfuggendo di mano. Ed è così che a un anno di distanza, ancora brancolando nel buio e chiusi nelle nostra mura domestiche, la luce di questo libro è entrata nella mia libreria.
Come vi dicevo all'inizio si tratta di un romanzo breve, poco meno di duecento pagine, all'interno del quale è presto riconoscibile lo stile dell'autrice, che convoglia nelle sue parole l'amore per i classici inglesi.
La stessa ambientazione ricorda le storie che siamo abituati a leggere di Jane Austen o delle sorelle Bronte. Dimore inglesi dell''800 che fanno sognare per la loro magnificenza e regalità.
Protagonista è Angelica e, i fan più attenti, avranno ricollegato questo nome a un'altra storia dell'autrice. Ventisette anni e poca chiarezza verso il futuro; una passione per la letteratura inglese; l'amore per la lingua e la traduzione; un breve passato da insegnante che ha lasciato qualche graffio e uno sconfinato amore per la cucina, dolce soprattutto. Ma una caratteristica che un po' contraddistingue Angelica dalla perfezione famigliare è senza dubbio la curiosità. Basta insinuarle una pulce nell'orecchio, che la ragazza vuole arrivare a portare a galla tutta quanta la verità. Sarà proprio la voglia di scoprire qualcosa in più sulla sua famiglia a spingerla nel Dorset, nella tenuta di Chaverton House, "frugando" nella vita dei prigionieri italiani in Inghilterra durante la Seconda Guerra Mondiale. In queste poche pagine Angelica porterà avanti due ricerche parallele: quella scritta su carta che riguarda i suoi antenati, e quella implicita che riguarda lei stessa, il cercare dentro di se la strada da percorrere.
Ho apprezzato molto l'idea dell'autrice di inserire una piccola dimensione onirica, che rappresenta sia il prologo che qualche interspazio narrativo, con queste tre fate a ricordare "La bella addormentata nel bosco", che vegliano su Angelica, seguendola nei suoi "disastri" lavorativi e sentimentali, ma non abbandonandola mai e tifando per i suoi successi.
"Un tè a Chaverton House" è un libro coccola da concedersi nel weekend o a fine giornata lavorativa. Un romanzo dalle atmosfere del passato, che attinge anche a fatti realmente accaduti, ma che in particolar modo vuole dimostrare quanto l'unico giudizio che sia realmente rilevante nella vita è il proprio. Così quando Angelica imparerà a concentrarsi su se stessa, scoprirà un futuro luminoso da scrivere.

VALUTAZIONE: ★★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

La bisbetica domata - recensione

Buongiorno lettori❤ Nuova recensione per uno dei tanti gruppi di lettura che mi terrà compagnia nei mesi a venire. Questa volta ci spostiamo nella sfera dei classici teatrali con William Shakespeare e la sua commedia " La bisbetica domata " nell'edizione Feltrinelli Editore per la collana Universale Economica Feltrinelli . Vediamo le mie impressioni al suo termine, raccolte nell'articolo di seguito. Buone letture❤ TITOLO: LA BISBETICA DOMATA AUTORE: WILLIAM SHAKESPEARE DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2019 (EDIZIONE IN FOTO) CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI GENERE: COMMEDIA TEATRALE PAGINE: 305 PREZZO: 8.55/EBOOK 2.99 Link Amazon TRAMA Petruccio è un avventuriero che parte da Verona e va a cercare fortuna a Padova. È un maschio giovane, forte e avvenente, assai dotato, e ha quella libertà di movimento che agli uomini è pienamente concessa nell'Italia immaginata da Shakespeare – così come nella sua Inghilterra. E qu

Per strada è la felicità - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo di un'uscita recentissima, in libreria da ieri e per la quale ringrazio Ponte alle Grazie Editore per la copia che mi ha inviato. Si tratta di " Per strada è la felicità ", nuovo romanzo di Ritanna Armeni . Nell'articolo di seguito, al consueto, le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: PER STRADA E' LA FELICITA' AUTORE: RITANNA ARMENI DATA DI PUBBLICAZIONE: 06 MAGGIO 2021 CASA EDITRICE: PONTE ALLE GRAZIE GENERE: ROMANZO PAGINE: 245 PREZZO: 15.20/EBOOK 8.99 Link Amazon TRAMA Rosa è una brava ragazza di provincia che arriva a Roma a vent'anni con l'obiettivo di laurearsi e trovare un lavoro. Ma siamo alla vigilia del Sessantotto e il fermento della rivolta abita ovunque: nei viali dell'università, sugli striscioni delle piazze, ai cancelli delle fabbriche. Quando il movimento studentesco esplode tutto cambia, anche Rosa. In quei mesi incandescenti in cui si occupano le facoltà, si scatena la vio

Sempre con te - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo dell'ultimo libro di Mattia Ollerongis edito Sperling & Kupfer , che ringrazio per l'invio della copia, " Sempre con te ". Dopo la scoperta di questo autore ho seguito e letto tutte le sue pubblicazioni, ma la storia di Kamilla mi ha colpita per un preciso motivo. Per scoprirlo vi invito a proseguire l'articolo di seguito dove, al consueto, troverete tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SEMPRE CON TE AUTORE: MATTIA OLLERONGIS DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 OTTOBRE 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 199 PREZZO: 9.40/EBOOK 5.99 Link Amazon TRAMA Non si sceglie di nascere con la paura: succede e basta. Il futuro spaventa, ma, se ci sono pericoli che si possono evitare, altri si devono affrontare. Riuscire a farlo dipende unicamente da noi. Kamilla ha solo sette anni quando una folla di bambini ancora sconosciuti, ma pronti a giudicarla, diventa l'insormontabile ostacolo da superare.