Passa ai contenuti principali

Il mio romanzo viola profumato - recensione

Buongiorno lettori♥
La prima recensione del mese è dedicata a un autore che, personalmente, leggo sempre molto volentieri: ovvero Ian McEwan.
In occasione del suo settantesimo compleanno, Einaudi, editore che ha portato in Italia tutti i suoi lavori, ha pubblicato un libro molto breve, contenente un racconto e un saggio.
Vediamo allora cosa ne penso, ancora una volta, di questo geniale autore.
Buone letture♥


TITOLO: IL MIO ROMANZO VIOLA PROFUMATO
AUTORE: IAN MCEWAN
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 GIUGNO 2018
CASA EDITRICE: EINAUDI
GENERE: RACCONTO - SAGGIO
PAGINE: 55
PREZZO: 4,25/EBOOK 2,99


TRAMA

Fin da ragazzi Parker e Jocelyn hanno condiviso tutto: letture, progetti, ambizioni letterarie. Le alterne fortune degli esordi non hanno fatto che temprare un'amicizia apparentemente destinata a durare per sempre. Perfino oltre l'improvviso successo di Jocelyn e l'altrettanto rapido declino di Parker. Perfino nei mondi ormai irrimediabilmente antitetici delle loro mezze età: una famiglia numerosa, un lavoro da insegnante e pochi libri all'attivo, tutti dimenticati, in un caso; un matrimonio fallito, la fama, il bel mondo delle lettere, nell'altro. Perfino allora, drasticamente separati dalla vita, Parker e Jocelyn restano inseparabili, «una famiglia», come amano ripetersi. Fino al giorno in cui, nella splendida casa dell'amico, Parker trova il dattiloscritto del suo ultimo romanzo. Lo legge d'un fiato: è il migliore che Jocelyn abbia mai scritto, la porta di accesso alla posterità. Come resistere alla tentazione di diventare lui? Del resto che cosa significa essere io, essere lui? Secondo una prospettiva particolarmente cara ai romanzieri, ci ricorda McEwan nel saggio che compendia il volume, l'io non è che «un racconto incessantemente riscritto», la «storia che raccontiamo a noi stessi». Se la biografia si sdoppia, dunque - lo scrittore di successo versus l'everyman travolto dal quotidiano - anche il racconto che l'io ne fa si può sdoppiare, ed è cosi che fra le pagine di un unico profumato romanzo viola si può consumare il crimine perfetto.

RECENSIONE - COMMENTO

Leggendo le poche pagine di questo libro, ho rafforzato l'idea che, negli anni, mi sono fatta di questo autore. L'ho conosciuto, letterariamente parlando, attraverso "L'inventore di sogni", un romanzo dove il protagonista è sdoppiato, volendo il bambino immedesimarsi nella vita del suo gatto e questo suo desiderio verrà avverato. Altro suo romanzo che ho in libreria è "Bambini nel tempo", una storia diversa, più intrigata e per la quale non si deve mai perdere il filo della narrazione.
Con il racconto "Il mio romanzo viola profumato" torna lo "sdoppiamento" del protagonista, quell'io che è anche il fulcro del saggio successivo dall'omonimo titolo, che cerca di emergere in maniera convulsiva. Il successo tanto desiderato, raggiunto e poi perso, ma che resta lì, primo pensiero in una vita condivisa con il proprio migliore amico. Questa vita condivisa che unisce i due uomini fin da ragazzini, che porta Parker e Jocelyn a essere una famiglia, diverrà "la stessa" sotto il nome di Parker.
L'uomo, infatti, abbandonato da editori, ispirazione e fama, ruba la vita dell'amico, scrivendo il miglior romanzo mai pubblicato, solo con un altro finale.
Un romanzo viola profumato che riporta Parker in cima, scalando la difficile vetta editoriale e accusando Jocelyn di plagio, nel momento che anche lui pubblica quel libro.
Un doppione, rubato e copiato; sdoppiato, due storie troppo simili per non essere passate per la stessa mano.
Due storie che uniscono e dividono al contempo, riportando là dove deve stare un autore e affossando, definitivamente l'altro.
Un "io" che vuole emergere a tutti i costi, solo perché vogliamo essere sempre al centro della scena, non più spettatori, ma protagonisti della nostra vita e, più in generale, di un mondo sempre più egocentrico.

"Possiamo radunarci in massa in luoghi turistici come Piazza San Marco, armati di smartphone e pronti a scattare selfie, ma siamo soli dinanzi alla tragica impermanenza del nostro io mentre, come Amleto, affrontiamo la mortalità di questa <quintessenza di polvere>"

VALUTAZIONE: ★★★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

La bisbetica domata - recensione

Buongiorno lettori❤ Nuova recensione per uno dei tanti gruppi di lettura che mi terrà compagnia nei mesi a venire. Questa volta ci spostiamo nella sfera dei classici teatrali con William Shakespeare e la sua commedia " La bisbetica domata " nell'edizione Feltrinelli Editore per la collana Universale Economica Feltrinelli . Vediamo le mie impressioni al suo termine, raccolte nell'articolo di seguito. Buone letture❤ TITOLO: LA BISBETICA DOMATA AUTORE: WILLIAM SHAKESPEARE DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2019 (EDIZIONE IN FOTO) CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI GENERE: COMMEDIA TEATRALE PAGINE: 305 PREZZO: 8.55/EBOOK 2.99 Link Amazon TRAMA Petruccio è un avventuriero che parte da Verona e va a cercare fortuna a Padova. È un maschio giovane, forte e avvenente, assai dotato, e ha quella libertà di movimento che agli uomini è pienamente concessa nell'Italia immaginata da Shakespeare – così come nella sua Inghilterra. E qu

Per strada è la felicità - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo di un'uscita recentissima, in libreria da ieri e per la quale ringrazio Ponte alle Grazie Editore per la copia che mi ha inviato. Si tratta di " Per strada è la felicità ", nuovo romanzo di Ritanna Armeni . Nell'articolo di seguito, al consueto, le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: PER STRADA E' LA FELICITA' AUTORE: RITANNA ARMENI DATA DI PUBBLICAZIONE: 06 MAGGIO 2021 CASA EDITRICE: PONTE ALLE GRAZIE GENERE: ROMANZO PAGINE: 245 PREZZO: 15.20/EBOOK 8.99 Link Amazon TRAMA Rosa è una brava ragazza di provincia che arriva a Roma a vent'anni con l'obiettivo di laurearsi e trovare un lavoro. Ma siamo alla vigilia del Sessantotto e il fermento della rivolta abita ovunque: nei viali dell'università, sugli striscioni delle piazze, ai cancelli delle fabbriche. Quando il movimento studentesco esplode tutto cambia, anche Rosa. In quei mesi incandescenti in cui si occupano le facoltà, si scatena la vio

Sempre con te - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo dell'ultimo libro di Mattia Ollerongis edito Sperling & Kupfer , che ringrazio per l'invio della copia, " Sempre con te ". Dopo la scoperta di questo autore ho seguito e letto tutte le sue pubblicazioni, ma la storia di Kamilla mi ha colpita per un preciso motivo. Per scoprirlo vi invito a proseguire l'articolo di seguito dove, al consueto, troverete tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SEMPRE CON TE AUTORE: MATTIA OLLERONGIS DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 OTTOBRE 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 199 PREZZO: 9.40/EBOOK 5.99 Link Amazon TRAMA Non si sceglie di nascere con la paura: succede e basta. Il futuro spaventa, ma, se ci sono pericoli che si possono evitare, altri si devono affrontare. Riuscire a farlo dipende unicamente da noi. Kamilla ha solo sette anni quando una folla di bambini ancora sconosciuti, ma pronti a giudicarla, diventa l'insormontabile ostacolo da superare.