Passa ai contenuti principali

Il nome della madre - recensione

Buongiorno lettori♥
Oggi vi parlo della lettura terminata in questo passato sabato pomeriggio di pioggia e temporale, ovvero "Il nome della madre" di Roberto Camurri, edito NN Editore, che ringrazio per la cordialità nell'invio della copia cartacea del libro. Nell'articolo di seguito, come ormai vi ho abituati, troverete tutte le mie impressioni e sensazioni al suo termine.
Buone letture♥


TITOLO: IL NOME DELLA MADRE
AUTORE: ROBERTO CAMURRI
DATA DI PUBBLICAZIONE: 28 MAGGIO 2020
CASA EDITRICE: NN EDITORE
COLLANA: LA STAGIONE
GENERE: ROMANZO
PAGINE: 176
PREZZO: 16.15/EBOOK 8.99


TRAMA


Da quando sua moglie se n'è andata senza spiegazioni, Ettore vive da solo con il figlio piccolo a Fabbrico, nel cuore della pianura padana. L'assenza della moglie popola la mente di Ettore, che oscilla tra i teneri ricordi di lei, donna imperscrutabile e feroce, e gli sforzi furiosi di dimenticarla, di non vederla in ogni espressione del figlio, Pietro, che le assomiglia così tanto. Anni dopo sarà Pietro a ereditare questo vuoto, in perenne conflitto con il padre, con Fabbrico e i suoi campi vasti e opprimenti. Pietro vuole amare Miriam, la ragazza che lo fa sentire al sicuro, ma quella sicurezza lo spaventa, lasciandolo solo di fronte alle sue emozioni. E cresce nella speranza di trovare una traccia, un ricordo, un indizio per provare a capire la donna che li ha abbandonati e di cui lui non ha memoria, per poter immaginare un futuro, il suo, che continuamente gli sfugge.

RECENSIONE - COMMENTO

Questo 2020 posso definirlo l'anno delle scoperte, di quei libri che terminati corri a spulciare le trame degli altri scritti dell'autore, corri a cercarli tra gli scaffali o li metti in lista. NN Editore mi ha già dato due nuove ottime conoscenze e così, dopo Forgione e i suoi "Giovanissimi", ecco che Camurri e la sua Fabbrico entrano di diritto nelle scoperte piacevoli e in quel "A misura d'uomo" da voler recuperare. 
Siamo in un piccolo paese dell'Emilia popolato per lo più da pianure, campi e cielo aperto, dove incontriamo Ettore prima e il figlio Pietro poi. 
Abbandonato dalla moglie, Ettore si trova d'un tratto a crescere quel figlio che non comprende nei suoi pianti, nelle sue marachelle da bambino della sua età, nel suo cercare un nascondiglio da quel mondo a metà, senza un pezzo di famiglia, privo di quel tassello che unisce e fa da collante. 
In questo scenario Pietro cresce tra l'incondizionato bene dei nonni e di Ettore che, a modo suo, impegna ciò che resta del suo cuore in quel figlio rimasto, frutto di un amore vissuto e sperato. 
Cosa mi ha sorpreso più di tutto? 
A un certo punto della storia, l'autore incrocia, con finezza, eleganza e senza pretese di paragone, la storia di Ettore e del figlio Pietro, usando termini simili per introdurre una scena a voi già nota, che vivrete con qualche piccola differenza, quella sottile linea che delimita l'unione dal baratro, l'essere in due dall'essere uno, ciò che davvero fa la differenza nella vita dell'uomo. 
"Il nome della madre" è un romanzo che va letto con la tranquillità che le stesse descrizioni mandano al lettore, che va assaporato da silenziosi spettatori, poiché i dialoghi sono raccontati, non sono portati a voi in maniera diretta, ma li vivrete attraverso le parole dell'autore; mentre le scene sono vissute quasi in prima persona, facendovi provare anche a voi i sentimenti che animano Fabbrico e i suoi abitanti. Ancora una volta è la provincia protagonista, le strade deserte nella calura estiva, le famiglie nei campi a coltivare anni di sacrifici da tramandare ai figli, ai nipoti, di generazione in generazione.
Quelle generazioni che da Ettore portano a Pietro e Miriam, anche loro alla ricerca di un "porto sicuro", quella famiglia che non nasce mai senza fatiche, ma che va costruita proprio come un piccolo porto di mare, asse dopo asse, fatica dopo fatica, tra sorrisi, sudore e qualche porta in faccia.
Ecco, ciò che ruota attorno a questi personaggi è proprio quel porto sicuro, quella casa che è sinonimo di famiglia, di focolaio e calore domestico, che per Pietro non è mai stata completa e per Ettore è sempre stata motivo di sbagli, di strade a senso unico percorse a folle velocità per provare nuovi brividi, di segreti che hanno portato una donna ad allontanarsi dalla sua metà, anche lei in cerca di risposte a troppe domande a vuoto.
Così, se c'è una cosa sola che accomuna Ettore e Pietro è che gli errori possono avere un risvolto positivo, che da questi si sbaglia e allo stesso tempo si impara, ma ancora più importante e significativo in questa storia è che volendo non si è mai soli, basta aprirsi, dialogare, trovare un contatto, quel punto di connessione che è lì nascosto in ognuno di noi.

VALUTAZIONE: ★★★★ 




Commenti

Post popolari in questo blog

La bisbetica domata - recensione

Buongiorno lettori❤ Nuova recensione per uno dei tanti gruppi di lettura che mi terrà compagnia nei mesi a venire. Questa volta ci spostiamo nella sfera dei classici teatrali con William Shakespeare e la sua commedia " La bisbetica domata " nell'edizione Feltrinelli Editore per la collana Universale Economica Feltrinelli . Vediamo le mie impressioni al suo termine, raccolte nell'articolo di seguito. Buone letture❤ TITOLO: LA BISBETICA DOMATA AUTORE: WILLIAM SHAKESPEARE DATA DI PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2019 (EDIZIONE IN FOTO) CASA EDITRICE: FELTRINELLI EDITORE COLLANA: UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI GENERE: COMMEDIA TEATRALE PAGINE: 305 PREZZO: 8.55/EBOOK 2.99 Link Amazon TRAMA Petruccio è un avventuriero che parte da Verona e va a cercare fortuna a Padova. È un maschio giovane, forte e avvenente, assai dotato, e ha quella libertà di movimento che agli uomini è pienamente concessa nell'Italia immaginata da Shakespeare – così come nella sua Inghilterra. E qu

Sempre con te - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo dell'ultimo libro di Mattia Ollerongis edito Sperling & Kupfer , che ringrazio per l'invio della copia, " Sempre con te ". Dopo la scoperta di questo autore ho seguito e letto tutte le sue pubblicazioni, ma la storia di Kamilla mi ha colpita per un preciso motivo. Per scoprirlo vi invito a proseguire l'articolo di seguito dove, al consueto, troverete tutte le mie impressioni. Buone letture❤ TITOLO: SEMPRE CON TE AUTORE: MATTIA OLLERONGIS DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 OTTOBRE 2020 CASA EDITRICE: SPERLING & KUPFER GENERE: ROMANZO PAGINE: 199 PREZZO: 9.40/EBOOK 5.99 Link Amazon TRAMA Non si sceglie di nascere con la paura: succede e basta. Il futuro spaventa, ma, se ci sono pericoli che si possono evitare, altri si devono affrontare. Riuscire a farlo dipende unicamente da noi. Kamilla ha solo sette anni quando una folla di bambini ancora sconosciuti, ma pronti a giudicarla, diventa l'insormontabile ostacolo da superare.

Un tè a Chaverton House - recensione

Buongiorno lettori❤ Oggi vi parlo del nuovo romanzo della mia amata Alessia Gazzola , " Un tè a Chaverton House ", pubblicato lo scorso lunedì da Garzanti , che ringrazio per l'invio della copia. Un libro molto breve che si legge in poco tempo, per il quale vediamo insieme, nell'articolo che segue, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: UN TE A CHAVERTON HOUSE AUTORE: ALESSIA GAZZOLA DATA DI PUBBLICAZIONE: 15 MARZO 2021 CASA EDITRICE: GARZANTI GENERE: ROMANZO PAGINE: 192 PREZZO: 15.58/EBOOK 9.99 Link Amazon TRAMA "Mi chiamo Angelica e questa è la lista delle cose che avevo immaginato per me: un fidanzato fedele, un bel terrazzino, genitori senza grandi aspettative. Peccato che nessuna si sia avverata. Ecco invece la lista delle cose che sono accadute: lasciare tutto, partire per l'Inghilterra e ritrovarmi con un lavoro inaspettato. Così sono arrivata a Chaverton House, un'antica dimora del Dorset. Questo viaggio doveva essere s