Passa ai contenuti principali

L'animale morente - recensione

Buongiorno lettori♡
La recensione di oggi è dedicata alla lettura di Giugno nel gdl #ioleggoeinaudi, ovvero "L'animale morente" di Philip Roth, per l'appunto edito Einaudi.
Libro che appartiene a una trilogia, comprendente "Il seno" e "Il professore di desiderio", in quanto tutti e tre ruotano intorno alla figura del protagonista, il Professor David KepeshUn libro particolarissimo, di cui vi lascio tutte le sensazioni che mi ha trasmesso.
Buone letture♡


TITOLO: L'ANIMALE MORENTE
AUTORE: PHILIP ROTH
DATA DI PUBBLICAZIONE: 08 OTTOBRE 2013
CASA EDITRICE: EINAUDI
COLLANA: SUPER ET
GENERE: ROMANZO 
PAGINE: 114
PREZZO: 9.50/EBOOK 6.99


TRAMA

Da trent'anni, da quando la rivoluzione sessuale ha bussato alla sua porta, il professor David Kepesh tiene fede al suo giuramento: non avere mai una relazione stabile con una donna. Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, una ragazza cubana alta e affascinante che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore.

RECENSIONE - COMMENTO

Come è stato questo primo approccio con Philip Roth?
La lettura di Giugno nel gruppo di lettura #ioleggoeinaudi è stata una di quelle al buio, non conoscevo l'autore, anche se ne ho sempre sentito parlare molto bene, non conoscevo nulla della sua scrittura, stile o personaggi.
Mi sono lasciata convincere dalla curiosità di un nuovo approccio, un po' come era successo con Auster e le sue "Follie di Brooklyn".
Ho trovato davanti a me un libro molto breve, collegato ai due che vi ho citato nella presentazione a inizio articolo dal protagonista.
David Kepesh è un professore universitario che ha fatto della sua filosofia uno stile di vita: mai restare ingarbugliato in una relazione stabile con una donna.
David vive i suoi quasi settant'anni ancora da uomo libero, dal punto di vista sentimentale, ma anche libero di piacere alle donne e trarne da loro.
Questo romanzo, critica, analisi dell'uomo che dir si voglia, spiazza, e non poco, chi non sa cosa potrà trovare nelle sue pagine.
A me è successo proprio così, sono rimasta incantata e stupita, a volte un po' scandalizzata dalla brutalità delle parole e delle descrizioni di Roth, però ho sentito la necessità di leggere quasi tutto d'un fiato questo suo scritto, per provare, nel mio piccolo, a comprendere la sua analisi.
Ho capito che l'uomo, che abbia venti, cinquanta o settant'anni, vive mosso dal desiderio, che si può riflettere anche fuori dalla sfera sessuale, perché ciò che piace diventa per lui ossigeno. Da voi comprendere cosa è ossigeno per il nostro professore e l'uso che ne fa per continuare a trarne giovamento.
Un libro che, nonostante la brevità di cui parlavamo prima, è ricchissimo di digressioni storico-temporali; si incontra il David ragazzo, il David sposato e padre, ma anche le vicissitudini che ha incontrato nel suo percorso di crescita, personale per lo più, quali le rivoluzioni degli anni '60, il vivere liberamente la vita secondo le proprie regole, le donne a capo di movimenti femministi, un continuo incontro-scontro tra il David di oggi e quello di ieri.
Sapete qual è la cosa buffa? Che il protagonista racconta la sua storia proprio come se tu lettore fossi seduto su una poltrona del suo salotto, come suo diretto interlocutore che, nell'arco del te di un pomeriggio, rivive l'intera vita del David come uomo contro la stabilità, che genera monotonia, dalla quale nasce la noia che sboccia nell'insofferenza e che genera i conflitti umani.
Una penna che per essere compresa meglio merita maggior lettura, non credo infatti di fermarmi a questi "scritti minori", anzi visti anche i premi letterari vinti dall'autore, sicuramente gli darò altre occasioni di incontro, andando a scavare nei romanzi precedenti.
Ah dimenticavo! Ma allora come è andato questo approccio con Roth?
Direi che mi trovo nel limbo tra positivo e negativo, protesa maggiormente per la prima risposta, dal momento che, nonostante un paio di scene che si potrebbero evitare del tutto, l'autore ha saputo tenere la mia concentrazione nella sua storia. Tutto questo grazie al suo stile narrativo e alla sua scrittura, che denota una grande intelligenza e acume, ma soprattutto una forza unica di portare alla luce ciò che anima l'uomo, il primordiale istinto, la paura e il desiderio del proibito, dell'ignoto, dell'arte di "negoziare" con i sentimenti.
Credo sia proprio vero che un autore come Philip Roth o lo si ama o lo si odia.
Voi dove state?

VALUTAZIONE: ★★★

Commenti

Post popolari in questo blog

Un matrimonio non premeditato - recensione

Buongiorno lettori❤ Ultime recensioni dell'anno in arrivo e oggi vi porto in casa Fazi Editore , che ringrazio ancora per la disponibilità e gentilezza nell'invio del nuovo romanzo, inedito in Italia, di Rebecca West : " Un matrimonio non premeditato ". Nell'articolo di seguito, al consueto, tutte le mie impressioni al suo termine. Buone letture❤ TITOLO: UN MATRIMONIO NON PREMEDITATO AUTRICE: REBECCA WEST DATA DI PUBBLICAZIONE: 28 OTTOBRE 2021 CASA EDITRICE: FAZI EDITORE GENERE: ROMANZO PAGINE: 396 PREZZO: 17.57/EBOOK 9.99 Link Amazon TRAMA La giovane e bellissima Isabelle è una ricca vedova americana che arriva a Parigi per riprendersi dalla perdita del primo marito. Dopo una serie di corteggiamenti incontra Marc, il quale, semplicemente, è l’uomo sbagliato nel momento giusto. Nulla, o quasi, accomuna i promessi sposi: sono un uomo e una donna che decidono di unire le proprie vite più sulla spinta di forze e coincidenze estranee alla loro volontà che per una

Quando leggere insieme fa bene: Il fenomeno dei Gruppi di Lettura

Buongiorno lettori♡ Oggi vi porto un articolo nuovo al quale sto lavorando da un po' e a cui tengo particolarmente. Chi mi segue da tempo sa bene come i Gruppi di Lettura siano diventati parte della mia quotidianità; grazie a loro mi sono approcciata a nuovi generi, ho riscoperto l'amore per i classici, conosciuto autori che sono diventati tra i miei preferiti e mi approcciata a storie che da sola non avrei mai iniziato.  Quest'anno da Instagram ne sono nati tantissimi, io stessa ne gestisco uno insieme a un altra ragazza, quindi ho deciso di indagare sul perché siano stati creati e quali benefici portino. Ho così intervistato gli ideatori di quelli che seguo, tra Facebook e Telegram, ponendo a ognuno di loro due domande. Nell'articolo di oggi troverete le loro risposte, dove trovarli e quali generi trattano, poiché sono convinta che la lettura, se condivisa, aumenti i suoi benefici. Buone letture♡ A Febbraio nasce #unromancealmese , ideato con Alessand

Cover Reveal: Vali ogni rischio

Buongiorno lettori♡ Nuovamente a metà settimana e in compagnia di un Cover Reveal tutto per voi.  Oggi scopriamo insieme cover e trama del nuovo romanzo di Giovanna Roma, "Vali ogni rischio", che uscirà il prossimo 24 Ottobre 2018, uno stand alone di genere war romance. Nell'articolo troverete anche il book trailer e tutti i contatti dell'autrice per non perdervi nulla dei suoi lavori. Spero di incuriosirvi in molti. Buone letture♡ TITOLO: VALI OGNI RISCHIO AUTORE: GIOVANNA ROMA DATA DI PUBBLICAZIONE: 24 OTTOBRE 2018 GENERE: WAR ROMANCE AUTOPUBBLICATO SINOSSI La notte in cui il Comandante dell’esercito è entrato in teatro, io ero su quel palco. La più giovane tra le ballerine classiche, la più testarda tra le ragazze che lui avesse mai incontrato. La famiglia per la quale versava sangue era la finanziatrice della Compagnia, la stessa che decideva il nostro futuro. Ho fatto di tutto per coronare il mio sogno, spingendomi persin